Vendee Globe 2012

Despre cursele de barci, regate, raliuri, transaturi, et caetera
Scrie răspuns
Avatar utilizator
skipper
Flottillenadmiral
Flottillenadmiral
Mesaje: 2563
Membru din: Mar Apr 19, 2011 7:35 pm
Localitate: Bucuresti
Contact:

Re: Vendee Globe 2012

Mesaj necitit de skipper »

Pariul lui JPD de acum doua zile pare pe drum bun, in larg de Rio se naste o depresiune exact la timp si JPD deja are cea mai mare viteza din plutonul fruntas in acelasi timp in care liderul se indreapta spre o zona de vanturi slabe!

Imagine

Primii 5 si vitezele lor in nd.
VG 2012 - 28 nov 17.00.jpg
Nu aveţi permisiunea de a vizualiza fişierele ataşate acestui mesaj.
Ubi allii finiverant, inde incipimus nos!

Avatar utilizator
skipper
Flottillenadmiral
Flottillenadmiral
Mesaje: 2563
Membru din: Mar Apr 19, 2011 7:35 pm
Localitate: Bucuresti
Contact:

Re: Vendee Globe 2012

Mesaj necitit de skipper »

Italianul sarbatoreste trecerea Ecuatorului!

http://www.dailymotion.com/video/xvg4va ... tune_sport
Ubi allii finiverant, inde incipimus nos!

Avatar utilizator
skipper
Flottillenadmiral
Flottillenadmiral
Mesaje: 2563
Membru din: Mar Apr 19, 2011 7:35 pm
Localitate: Bucuresti
Contact:

Re: Vendee Globe 2012

Mesaj necitit de skipper »

Desi ALC isi mentine pozitia fruntasa si delta fata de restul plutonului, acum are in fata o zona cu gradient baric mai slab decat cei din vest, unde JPD e in continuare avantajat.
VG 2012 11 29 00.gif
Nu aveţi permisiunea de a vizualiza fişierele ataşate acestui mesaj.
Ubi allii finiverant, inde incipimus nos!

Avatar utilizator
skipper
Flottillenadmiral
Flottillenadmiral
Mesaje: 2563
Membru din: Mar Apr 19, 2011 7:35 pm
Localitate: Bucuresti
Contact:

Re: Vendee Globe 2012

Mesaj necitit de skipper »

Ce frumos: lui JPD i-a iesit pariul dupa reteta clasica! La fel a facut Desjoyeux in 2008 si din ultimul plecat a iesit in castigator!
Acum JPD a reusit sa se pozitioneze exact la marginea unui front care il duca la peste 20 nd si deja si-a redus distanta fata de ALC la 155 MM de la 280 ieri si a trecut pe locul 3. Daca reuseste sa se mentina in aceasta pozitie relativa fata de front macar o zi jumate va intra primul in Oc Indian.
VG 2012 29 nov 1400.jpg
Nu aveţi permisiunea de a vizualiza fişierele ataşate acestui mesaj.
Ubi allii finiverant, inde incipimus nos!

Avatar utilizator
skipper
Flottillenadmiral
Flottillenadmiral
Mesaje: 2563
Membru din: Mar Apr 19, 2011 7:35 pm
Localitate: Bucuresti
Contact:

Re: Vendee Globe 2012

Mesaj necitit de skipper »

O analiza a lui Marco Nannini despre conditiile de cursa din Indian Si pacific a fost publicata in Farevela.

O eroare: linia de demarcatie dintre Oceanele Atlantic si Indian nu este la Capul Bunei Sperante ci la Cap Agulhas.


Le insidie dell’Oceano Indiano

Con il passaggio della porta obbligatoria di Aiguilles collocata alla latitudine di 42 gradi Sud in corrispondenza dell’estremita meridionale del continente africano, la flotta del Vendee Globe uscirà dall’Oceano Atlantico meridionale ed entrerà nell’Oceano Indiano, che è formalmente delimitato a sinistra dalla longitudine del Capo di Buona Speranza e a destra da quella del Capo Lleeuwin. Oltre tale meridiano inizia poi l’Oceano Pacifico, che si estende fino alla longitudine di Capo Horn.


Le correnti nel Sud Indiano e la posizione delle porte obbligatorie

Per capire la presenza delle porte obbligatorie lungo la rotta del Vendee Globe 2012 è utile relazionare la rotta alla temperatura dell’acqua e la conseguente probabilità di incontrare iceberg nella zona di navigazione. Dopo la porta di Aiguilles, infatti, troviamo la prima porta obbligatoria dell’Oceano Indiano, la porta di Crozet, dal nome delle omonime isole che è stata spostata a 39 gradi Sud, molto in alto rispetto alla rotta che i concorrenti seguirebbero se non fossero imposte limitazioni.

E’ proprio in corrispondenza della porta di Crozet che la linea che demarca la temperatura dei 4 gradi centigradi nel mese di dicembre raggiunge la latitudine più settentrionale, a circa 47 gradi Sud in corrispondenza della longitudine dei 50 gradi Est. Dopo questa longitudine, il rischio Iceberg diminuisce rapidamente con acque relativamente più calde a parità di latitudine in prossimità delle Isole Kerguelen, che infatti rimangono libere dal ghiaccio anche nei mesi invernali. Qui i concorrenti hanno libero spazio di seguire la strategia preferita, a patto che rimangano a nord dell’Isola di Heard, che si trova a 53 gradi Sud (a Sud-Est delle Kerguelen) ma sempre fuori dalla linea di temperatura di 4 gradi centigradi che è considerata critica per il rischio Iceberg. Le scelte del comitato regata sono basate non solo su questo dato, ma anche su accurate immagini satellitari che vengono appositamente realizzate e analizzate per il Vendee Globe. Dopo le Isole Kerguelen, la flotta viene chiamata a risalire leggermente verso nord rispettando la Porta Australiana Occidentale a 46 gradi Sud che ricopre due ruoli, sia di tenere i concorrenti al di sopra della zona di rischio Iceberg sia di riavvicinarli almeno un po’ alla terra ferma per facilitare eventuali operazioni di soccorso australiane.


La temperatura dell’acqua e le probabilità di burrasca nel Sud Indiano

L’ingresso nell’Oceano Indiano delimita, infatti, anche la fine della prossimità della flotta alle rotte commerciali che dal Capo di Buona Speranza non passano a Sud dell’Australia, ma fanno rotta per il mare di Timor a nord dell’Australia, dove la probabilità di violente burrasche che potrebbero causare danni alla navi e rallentarle è molto minore. In questi mari si possono incontrare solo alcuni pescherecci d’altura, ma anche questi sono rari.

La presenza delle Isole di Kerguelen fra la porta Crozet e la porta Australiana Occidentale è solo in apparenza un conforto per i concorrenti che si troveranno a dover decidere se passare a Nord o a Sud di questo isolatissimo arcipelago vulcanico, che sarebbe disabitato se non fosse per la presenza di 50-100 scienziati francesi. La terra emersa si trova infatti al centro dell’altipiano sommerso di Kerguelen, che si eleva dai profondi fondali oceanici e che in caso di forti tempeste può rendere il mare particolarmente agitato e pericoloso, specie a nord, come d’altronde in tutte le zone del mondo dove i fondali salgono all’improvviso, come nel temuto Golfo di Guascogna e in prossimità del leggendario Capo Horn.


Pilot Charts nel Sud Indiano

Dal punto di vista meteorologico l’Oceano Indiano dovrebbe regalare una prevalenza di venti portanti ai concorrenti, ma uso volutamente il condizionale perché specie nella prima tratta tra la porta di Aiguilles e la porta Crozet la flotta naviga ben più a nord dei centri depressivi dell’Oceano del Sud e non è escluso un meteo più variegato, con probabili venti al traverso ma anche il rischio di venti contrari anche intensi. Questo renderebbe l’aver evitato le zone dove è piu’ alto il rischio di presenza di iceberg una magra consolazione su barche come gli Open 60, che non amano le andature di bolina e dove è alto il rischio di rotture e la velocità media è ridotta a metà rispetto alle andature portanti.

Tra la porta di Aiguilles e la porta Australiana “Ovest” una delle preoccupazioni aggiuntive per i concorrenti sarà lo stato del mare, non solo in prossimità dell’altipiano sommerso dell’arcipelago di Kerguelen ma per tutto l’Oceano Indiano e in particolare nelle prossimità della porta di Crozet, dove la presenza di correnti di superficie anche molto significative e irregolari può causare uno stato del mare molto più insidioso di quanto si incontrerebbe nell’Oceano Pacifico a parità di vento. Queste correnti irregolari sono causate dalla rotazione della corrente di Agulhas, che incrocia la corrente di superficie causate dalla prevalenza di venti da Ovest e appunto definita “West Wind Drift”.

Un ulteriore aspetto che contribuisce a rendere questo oceano particolarmente insidioso è la violenta rotazione dei venti in corrispondenza del passaggio dei fronti freddi associati a ogni depressione. Questo fenomeno di cui non conosco la spiegazione scientifica è veramente notevole, al passaggio di un fronte freddo nell’Oceano del Sud il vento passa da Nord Ovest a Sud Ovest (speculare rispetto all’emisfero nord dove il vento passa da Sud Ovest a Nord Ovest) con una rotazione violenta spesso superiore ai 90 gradi, ovvero il vento a volte passa senza soluzione di continuità da Nord Ovest a praticamente Sud, il mare in questi casi si trasforma in un vero inferno. La navigazione subito dopo il passaggio del fronte freddo, dove alla massa di aria instabile e rafficata è dunque associato un mare violento e incrociato, è il punto piu’ probabile in cui capitano disalberamenti e rotture significative visto che è senz’altro il punto di maggiore sollecitazione delle barche e dell’armo.


Immagine della piattaforma delle Kerguelen, nel bel mezzo del Sud Indiano

La presenza delle porte obbligatorie trasforma la strategia di regata, che viene distorta da queste alterazioni forzate della rotta ottimale, se da un lato riducono il rischio di incontrare iceberg dall’altro spezzettano il percorso di regata in piccole tratte limitando notevolmente le scelte dei concorrenti. Questo fattore solitamente favorisce le barche più veloci che dovranno preoccuparsi meno di potenziali attacchi di barche meno performanti che azzardino scelte strategiche più colorite e limitano in ogni caso il potenziale per sorpassi per tutta la flotta. Speriamo comunque che non sia solo l’alto rischio di rotture a regalare emozioni nell’Oceano Indiano.

L’esperienza dell’Oceano Indiano è pertanto spesso tutt’altro che piacevole e i concorrenti dovranno tenere gli occhi ben puntati sulla successiva fase della regata, la navigazione nell’Oceano Pacifico, che se da un lato potrebbe essere caratterizzata da mari che almeno in teoria sono meno confusi non è certo priva delle sue insidie. Solo dopo il passaggio di Capo Horn la flotta potrà iniziare a sentire il sollievo di essere sopravvisuti al peggio che l’Oceano del Sud ha da offrire. (Marco Nannini)
Ubi allii finiverant, inde incipimus nos!

Avatar utilizator
skipper
Flottillenadmiral
Flottillenadmiral
Mesaje: 2563
Membru din: Mar Apr 19, 2011 7:35 pm
Localitate: Bucuresti
Contact:

Re: Vendee Globe 2012

Mesaj necitit de skipper »

Oare cate ore vor fi dormit primii cinci in ultimele 3 zile ca sa se poata mentine mereu in zona din fata frontului unde au vantul puternic si constant???


Din fericire pt cei din urma e mai relaxant, La vita e bela!

Alessandro Di Benedetto (Team Plastique) is sailing on port tack with a feeble (12 knots) east wind. He continues to widen the gap with the head of the fleet, some 1,847 miles away. Fortunately, he perceives a beautiful adventure in the race and charms us all with his joie de vivre.
Ubi allii finiverant, inde incipimus nos!

Carasu'
Oberstabsgefreiter
Oberstabsgefreiter
Mesaje: 122
Membru din: Mie Apr 20, 2011 5:09 pm

Re: Vendee Globe 2012

Mesaj necitit de Carasu' »

Poate cedeaza liderii din cauza oboselii si vine : http://www.vendeeglobe.org/en/news/news ... aying.html , desi nu prea cred italianu feel good.

Avatar utilizator
skipper
Flottillenadmiral
Flottillenadmiral
Mesaje: 2563
Membru din: Mar Apr 19, 2011 7:35 pm
Localitate: Bucuresti
Contact:

Re: Vendee Globe 2012

Mesaj necitit de skipper »

Carasu' scrie:Poate cedeaza liderii din cauza oboselii si vine : http://www.vendeeglobe.org/en/news/news ... aying.html , desi nu prea cred italianu feel good.

De unde se vede ca daca esti un om hotarat si pregatit, chiar si in Vendee Globe, The Toughest Race on Earth, viata poate fi frumoasa! It's tough out there!

Imagine
Ubi allii finiverant, inde incipimus nos!

Avatar utilizator
skipper
Flottillenadmiral
Flottillenadmiral
Mesaje: 2563
Membru din: Mar Apr 19, 2011 7:35 pm
Localitate: Bucuresti
Contact:

Re: Vendee Globe 2012

Mesaj necitit de skipper »

Viata la 25 de noduri!

http://youtu.be/VGLjTAr1WzQ

Sant curios cand va face volta sa prinda poarta Crozet ca deja e cel mai aproape de zona cu gheturi si un growler ii poate fi fatal!
Ubi allii finiverant, inde incipimus nos!

Carasu'
Oberstabsgefreiter
Oberstabsgefreiter
Mesaje: 122
Membru din: Mie Apr 20, 2011 5:09 pm

Re: Vendee Globe 2012

Mesaj necitit de Carasu' »

Acesta este cel mai frumos clip vazut e mine anul acesta (hai ca mege si italianu la trecerea ecuatorului) .
De apreciat este si faptul ca nu se vede reclama aia hioasa cu boosss

Scrie răspuns